01567nls a2200325 n 450 EJ2102077020200422090808.02035-44441826-0772oai:ojs2.ojs.progettinrete.net:article/1018010.13128/FiAr-24830ARMAGDIG20190501a2019 --k--ita-50----ba engElementare / EvidenteArticoloFirenze University Press2019-03-18In relazione con: https://oajournals.fupress.net/index.php/fa/article/view/10180/10177Sorgente: Firenze Architettura; Vol. 22 No. 2 (2018): Arte e architettura 'en regard'; 96-103Sorgente: 2035-4444Sorgente: 1826-0772Una riflessione comune sui principi di costituzione fisica e materiale dell’opera d’arte e d’architettura unisce inaspettatamente, all’inizio degli anni '60, il lavoro di Sigurd Lewerentz con quello di alcuni artisti del Minimalismo. Ciò che emerge è la ricerca di modalità operative elementari ed evidenti, volte ad annullare lo scarto tra pratiche specialistiche e quotidianità.Firenze Architettura; Vol. 22 No. 2 (2018): Arte e architettura 'en regard'; 96-103application/pdfFerrari, MarcoITIT-FI0098http://memoria.depositolegale.it/*/https://oajournals.fupress.net/index.php/fa/article/view/10180https://oajournals.fupress.net/index.php/fa/article/view/10180 CRCFARAR