01931nls a2200337 n 450 EJ2102783020190604150418.02039-6597oai:ojs.unica.it:article/302210.13125/2039-6597/3022ARMAGDIG20190501a2017 --k--ita-50----ba engPaolo Lago, La nave, lo spazio e l’altro. L’eterotopia della nave nella letteratura e nel cinemaArticoloUniversità degli Studi di Cagliari2017-05-31Diritti: Copyright (c) 2017 BetweenIn relazione con: https://ojs.unica.it/index.php/between/article/view/3022/2618Sorgente: Between; Vol 7 No 13 (2017): Longing and Belonging - Désir et AppartenanceSorgente: Between; V. 7 N. 13 (2017): Longing and Belonging - Désir et AppartenanceSorgente: 2039-6597Review of the book La nave, lo spazio e l’altro. L’eterotopia della nave nella letteratura e nel cinema by Paolo Lago.L’eterotopia, quando si radica nel progetto critico di uno studioso, può assumere la fisionomia di un “rovello” personale. Lo è stato per Michel Foucault che nel 1966 ha cristallizzato in una definizione e in una prima tassonomia i «luoghi reali fuori da tutti i luoghi» (Utopie, eterotopie, Napoli, Cronopio, 2006: 13), i contro-spazi «che si oppongono a tutti gli altri e sono destinati a cancellarli, a compensarli, a neutralizzarli o a purificarli» (ibid.: 12).Between; Vol 7 No 13 (2017): Longing and Belonging - Désir et Appartenanceapplication/pdfGuglielmi, MarinaITIT-FI0098http://memoria.depositolegale.it/*/https://ojs.unica.it/index.php/between/article/view/3022https://ojs.unica.it/index.php/between/article/view/3022 CRCFARAR