EXPOSURE ASSESSMENT OF PERSISTENT ORGANIC POLLUTANTS AND ASSOCIATED HEALTH RISKS AMONG ITALIAN POPULATION [Tesi di dottorato]
Università degli Studi di Milano, 2013-02-07

I contaminanti organici persistenti costituiscono un gruppo di sostanze chimiche artificiali strutturalmente tra loro diverse e caratterizzate, quale elemento comune, da un’elevata bio-persistenza e dalla capacità di essere trasportate per lunghe distanze su scala planetaria, lontano dal luogo originario di emissione nell’ambiente. A questa classe di sostanze chimiche appartengono, tra gli altri, i bifenili poli-clorurati, i pesticidi organo-clorurati, tra cui il DDT e i suoi metaboliti, e altri prodotti chimici come le dibenzo-p-diossine e i dibenzo-furani policlorurati. Queste sostanze chimiche sono ormai ampiamente distribuite nell'ambiente, in quanto alcuni di loro sono stati a lungo impiegati in agricoltura e nella sanità pubblica come pesticidi (il DDT e gli altri insetticidi clorurati), altri come prodotti chimici industriali (i bifenili poli–clorurati) e altri sono inevitabili sottoprodotti di processi industriali (le dibenzo-p-diossine e i dibenzo–furani policlorurati). Per le loro caratteristiche tossicologiche, queste sostanze chimiche possono essere fonte di rischio per la salute umana. In Italia si è fatto largo uso di insetticidi della famiglia organo clorurata (DDT e prodotti simili) dagli anni ‘40 agli anni ‘70 del 1900, soprattutto per fini di salute pubblica, per l’eradicazione di vettori (zanzare) della malaria e dei PCB, prodotti in Italia per il settore manifatturiero (produzione di dispositivi elettrici e termici), nella produzione di energia (uso di trasformatori e condensatori) e come materiali industriali in diversi comparti. Ciò nonostante, le informazioni sui livelli di esposizione della popolazione generale rimangono limitate. Questo studio si è proposto di misurare i livelli di alcuni insetticidi organo-clorurati e dei PCB nella popolazione generale italiana in tre luoghi diversi: Novafeltria (un paese del Centro Italia), Pavia (una città di medie dimensioni) e Milano (la seconda città più grande in Italia) e ad esplorare la relazione del loro accumulo nella popolazione con i luoghi di residenza, il sesso, l’età e la costituzione individuale. Per misurare le concentrazioni di PCB, i campioni di sangue sono stati raccolti campioni di sangue da 372 soggetti che hanno fornito il consenso informato e per misurare gli insetticidi organo-clorurati sono stati raccolti i campioni da 137 soggetti. Nel siero sono stati misurati 36 congeneri dei PCB e 8 insetticidi organo-clorurati mediante gas-cromatografia-spettrometria di massa. Per normalizzare le concentrazioni dei PCB e degli insetticidi organo-clorurati alle concentrazioni totali di lipidi nel sangue (una tecnica comunemente impiegata per tener conto del carattere lipofilico dei composti), sono stati misurate le concentrazioni sieriche di trigliceridi e colesterolo totale mediante tecniche standard di chimica clinica. Le informazioni personali quali il sesso, l'età, l'altezza e il peso, le abitudini alimentari, l'istruzione, la residenza e l'occupazione le informazioni sono state raccolte attraverso un questionario. Sono state impiegate analisi statistiche per evidenziare eventuali relazioni dei livelli degli analiti con caratteristiche dei soggetti indagati quali la residenza, l’età, il sesso e l’indice di massa corporea. Le concentrazioni degli analiti sono state indagate in termini sintetici per la popolazione complessiva dei 3 siti, e separatamente per i singoli siti, per sesso, per età e per le categorie di BMI. I PCB congeneri 138, 153 e 180 sono stati quelli più frequentemente rilevati nei campioni e sono risultati quelli maggioritari nel concorrere alla dose totale di PCB. Il PCB 153 ha il più alto livello medio in ciascun sito. Il livello totale di PCB differisce in modo significativo tra questi siti (p < 0,0001) con concentrazioni mediane di 837, 1355 e 2062 pmol/g di lipidi, rispettivamente a Novafeltria, a Pavia e in Milano. Non sono state dimostrate differenze nella distribuzione dei livelli di PCB totali tra i due sessi. La somma dei PCB diossino-simili differiva in modo significativo (p < 0,0001) tra i siti (media 111 e 167 pmol/g di lipidi, rispettivamente) e tra i due sessi a Novafeltria e a Pavia (p = 0,011 e 0,009, rispettivamente). I PCB 138, 153, 170 e 180 differivano in modo significativo tra i luoghi di residenza (p < 0,0001), con valori più elevati nella popolazione di Milano. In generale, nella popolazione totale esaminata i livelli dei PCB totali e dei congeneri 138, 153, 156, 170 e 180 correlano positivamente con l'età (coefficienti r di correlazione compresi tra 0,320 e 0,569, p < 0,0001). A Novafeltria i coefficienti r risultano compresi tra 0,545 e 0,670 e tra 0,516 e 0,666 a Pavia. A Milano, i coefficienti r per le correlazioni con età sono risultati compresi tra 0,327 e 0,417 per i PCB totali e per i congeneri 138, 153 e 180. Ad eccezione del PCB 170 non è stata osservata alcuna differenza significativa nella distribuzione dei più abbondanti congeneri di PCB e PCB totali tra le diverse categorie di BMI (individui ‘più o meno grassi’). Tra gli insetticidi organo-clorurati, il p,p'-DDE e l’HCB contribuiscono in misura magiore al carico corporeo totale per la classe di composti. I loro livelli differiscono in modo significativo tra le tre città, con un trend di Milano > Novafeltria > Pavia (p < 0,0001). Considerando l’intero campione, le femmine hanno concentrazioni significativamente più alte di HCB e p,p'-DDE rispetto ai maschi. Le concentrazioni di HCB sono significativamente più alte nelle femmine rispetto ai maschi di Milano (p = 0,029). Abbiamo osservato correlazioni positive tra la concentrazione di p,p'-DDE e HCB e l’età solo nei soggetti di Novafeltria (r = 0,468, p = 0,004). Considerando l’intera popolazione studiata, le concentrazioni dell’insetticida organo clorurati totali differiscono in modo significativo tra le categorie di BMI (p = 0,018). Abbiamo misurato il pattern dei principali congeneri dei PCB e degli insetticidi organo-clorurati in una campione abbastanza esteso della popolazione italiana. In generale il nostro studio fornisce informazioni sui livelli di esposizione a PCB e ad insetticidi organo-clorurati e fornisce indicazioni per ulteriori indagini.

diritti: info:eu-repo/semantics/openAccess
supervisor: C. Colosio ; co-supervisor: F. M. Rubino ; coordinator: G. Costa
COLOSIO, CLAUDIO
COLOSIO, CLAUDIO
RUBINO, FEDERICO MARIA
COSTA, GIOVANNI
Settore MED/44 - - Medicina del Lavoro


Tesi di dottorato. | Lingua: Inglese. | Paese: | BID: TD16001055