FRATEA, Caterina
L'immigrazione e i diritti del lavoratore extracomunitario: ricongiungimento familiare e tutela previdenziale [Tesi di dottorato]

Il presente lavoro intende fornire un quadro dei diritti che la Comunità europea riconosce al lavoratore straniero legalmente residente in uno Stato membro, con particolare riguardo al ricongiungimento familiare e alla tutela previdenziale, per poi valutarne l'adeguatezza alla luce delle odierne esigenze sottese al fenomeno migratorio. Si precisa che la politica comunitaria in materia di immigrazione, che si caratterizza per l'estrema varietà delle fonti, si applica agli stranieri, categoria intesa come contrapposta ai cittadini dell'unione e, quindi, composta da soggetti provenienti da Stati terzi. Rimangono inoltre escluse dalla trattazione sia la disciplina dettata dagli accordi di associazione e dei familiari del cittadino dell'unione, sia la politica di asilo, nonché la situazione dei rifugiati e dei beneficiari di protezione temporanea. Prodromica all'approfondimento della normativa relativa agli istituti sopra menzionati è l'analisi dell'evoluzione delle competenze comunitarie in materia di immigrazione, al fine di comprendere come la Comunità sia giunta ad emanare atti in questi settori e quale sia la loro base giuridica nei trattati. Gli istituti esaminati vengono analizzati riguardo all'evoluzione giuridica degli atti preparatori che li riguardano e alla giurisprudenza che se ne occupa (con uno sguardo particolare anche alla situazione italiana), per arrivare a comprendere come, pur rappresentando un indubbio progresso rispetto alla situazione precedente, in cui gli stranieri erano sprovvisti di qualsiasi tutela, essi presentano tuttavia margini di critica. Dal punto di vista del ricongiungimento familiare, infatti, i cittadini comunitari godono di una disciplina di maggior favore, accogliendo la direttiva 2004/38 una nozione di famiglia più ampia rispetto a quella nucleare alla base della direttiva 2003/86, senza che si vedano ragioni oggettive per accordare ai cittadini dell'unione un trattamento più favorevole in cui sono in gioco i dritti fondamentali della persona. La tutela previdenziale presenta profili problematici sia per la differenza di trattamento prevista rispetto allo straniero soggiornante di lungo periodo, tutelato anche in caso di situazioni puramente interne, sia riguardo al regolamento 859/2003.

diritti: info:eu-repo/semantics/closedAccess
In relazione con info:eu-repo/semantics/altIdentifier/hdl/11562/337503
Baruffi, Maria Caterina
Settore IUS/13 - - Diritto Internazionale


Tesi di dottorato. | Lingua: Italiano. | Paese: | BID: TD17048550