C. DE MARCO
SELF-REPRESENTING PARABLES:THE AUTOBIOGRAPHICAL ELEMENT IN PER OLOV ENQUIST'S WORKS [Tesi di dottorato]
Università degli Studi di Milano, 2017-12-04
Questa tesi si propone di analizzare l’opera di Per Olov Enquist alla luce di una prospettiva autobiografica. Dopo aver pubblicato numeri romanzi e opere teatrali di grande successo, in cui spesso compaiono elementi e dettagli autobiografici, nel 2008 l’autore svedese ha dato alle stampe un’autobiografia, la cui lettura rafforza l’impressione che le sue esperienze personali abbiano costituito una fondamentale fonte di ispirazione per le opere di finzione. Per inquadrare gli scritti di Enquist in un’ottica autobiografica vengono utilizzate alcune chiavi di lettura offerte dagli stessi testi presi in analisi. Si tratta in primo luogo di due metafore che rappresentano il bisogno di ordinare e di trovare un significato all’esperienza del mondo e della propria identità, attività che parte della critica identifica come motore stesso della scrittura autobiografica: l’assemblare puzzle e il disegnare mappe. In secondo luogo, anche l’uso quasi ossessivo della ripetizione di episodi, immagini ed espressioni viene interpretato come portatore di una valenza autobiografica. A ricorrere sono una serie di «punti dolenti» (smärtpunkterna in originale) che da un lato non vengono mai raccontati fino in fondo, dall’altro si ripresentano da un libro all’altro proprio in virtù della loro carica emotiva inespressa. Questo porta a identificare le due forze contrarie all’opera contemporaneamente nella scrittura di Enquist: da un lato l’impulso a nascondere, a negare, dall’altro quello a mostrare, a rivelare. Alla luce di queste chiavi di lettura, vengono prese in esame gran parte delle opere di Enquist, dagli esordi nel 1961 al libro più recente del 2013. Questa analisi evidenzia un’evoluzione nelle strategie di auto-rappresentazione utilizzate. In una prima fase (Kristallögat, Färdvägen, Hess, Legionärerna), gli elementi autobiografici sono isolati e spesso attribuiti a personaggi di finzione. In un secondo gruppo di opere (Sekonden, Musikanternas uttåg, Nedstörtad ängel, I lodjurets timma), assistiamo a un aumento del livello di autobiograficità, pur mantenendo un contesto finzionale. Infine, nell’ultima fase la dimensione autobiografica diventa centrale, sebbene con modalità diverse nei vari testi presi in considerazione: declinata sotto forma di saggio in Kartritarna, l’auto-rappresentazione assume forma metaforica in Kapten Nemos bibliotek, dichiaratamente autobiografica in Ett annat liv, per poi tornare a una forma ibrida ma a forte componente memorialistica in Liknelseboken. Da questa analisi delle opere di Per Olov Enquist emerge la conclusione che la costante presenza di elementi autobiografici nella sua scrittura è indice di un’esigenza di creare un ordine e trovare un senso al sé e al mondo. Tuttavia, la forma tipicamente autobiografica (cronologica, analitica) non sembra essere la più adatta a soddisfare questa esigenza, a cui risponde meglio una rappresentazione basata sulla metafora..
diritti: info:eu-repo/semantics/openAccess
In relazione con info:eu-repo/semantics/altIdentifier/hdl/2434/529848
MEREGALLI, ANDREA
tutor: A. Meregalli ; coordinatore: G. Garzone
GARZONE, GIULIANA ELENA
Settore L-LIN/15 - - Lingue e Letterature Nordiche


Tesi di dottorato. | Lingua: Inglese. | Paese: | BID: TD18002907