D'ANTUONO, ANTONIO
A new hybrid soft-sensing approach (based on IR Sensor data) for the assessment of the properties characterizing the dynamic thermal behaviour of a building component [Tesi di dottorato]
Università Politecnica delle Marche, 2017-03-02
Uno degli aspetti principali in termini di risparmio energetico è legato alle performance energetiche dei component da edilizia. Per questa ragione, in letteratura è possibile trovare sempre più lavori riguardanti la valutazione delle proprietà termiche dei component da edilizia (conducibilità termica, trasmittanza termica, sfasamento). Molti lavori e standard descrivono la valutazione delle proprietà termiche in condizioni di regime stazionario ma in molti casi, ad esempio in applicazioni in opera, queste condizioni sono estramamente complicate da riprodurre. Per questa ragione, la ricerca si è focalizzata sul comportamento termico dinamico dei materiali che consente di caratterizzare le proprietà termiche dinamiche in condizioni più facilmente riproducibili. Le metodologie attuali per la valutazione del comportamento termico dinamico di un material presentano diversi problemi e difficoltà: ? Sensori a contatto: gli standard attuali prevedono una valutazione puntuale che non è spesso rappresentativa del comportamento termico dinamico dell’intero muro; ? Condizioni ambientali: uno degli aspetti più importati in termini di incertezza di misura è rappresenato dale condizioni ambientali che condizionano i dati misurati. Infatti, l’elevatà sensibilità dei sensori (termoflussimetro e termocoppie) rende quest’aspetto critic durante una campagna di test. ? Durata del test: gli standard attuali richiedono almeno 72h di monnitoraggio per test sul campo. In molte condizioni non è possibile avere durate così eccessive. Per accrescere lo stato dell’arte è presentata una tecnica innovativa, basata su un approccio Soft-Sensing che combina dati misurati con un modello predittivo, con lo scopo di implementare le attuali metodologie di misura in termini di accuratezza, consume di tempo e valutazione del reale comportamento dinamico di un componente. Inoltre, la tecnica proposta è basata sull’uso di un sensore ad infrarossi che porta I seguenti vantaggi: ? Sensori non a contatto rispetto agli attuali standard basati sull’uso di termocoppie e termoflussimetro; ? Valurtazione “full-field” dell’intera scena inquadrata rispetto ad una valutazione puntuale ottenuta con dei sensori a contatto. I risultati ottenuti mostrano una differenza tra il valore dichiarato di trasmittanza termica e quello misurato che raggiunge al massimo il 5% nell condizioni di prova più sfavorevoli (cambiamenti di velocità dell’aria e sorgenti irradianti durante il test) ed una riduzione dei tempi nell’ordine dello sfasamento termico del materiale. Questo risultato accresce lo stato dell’arte che invece dichiarano un valore di incertezza di almeno l’8% per il test termoflussimetrico con una durata di almeno 72h..
diritti: info:eu-repo/semantics/openAccess
In relazione con info:eu-repo/semantics/altIdentifier/hdl/11566/245543
REVEL, Gian Marco
Settore ING-IND/12 - - Misure Meccaniche e Termiche


Tesi di dottorato. | Lingua: Inglese. | Paese: | BID: TD18048271